Carciofi alla Giudea detti anche Carciofi alla Giudia

carciofi-alla-giudia.jpgCarciofi alla Giudea: un piatto della tradizione romana che proviene dalla cucina ebraica. I carciofi vengono aperti a “fiore” e fritti in abbondante olio. Nell’Isola Tiberina, dove c’è l’antico ghetto ebraico di Roma. Qui numerosi ristoranti lo dichiarano il loro piatto forte. In realtà era la pietanza servita per spezzare il digiuno del kippur dopo le tradizionali 24 ore di preghiere del giorno dedicato all’espiazione.

Ingredienti per 6 persone

12 carciofi grossi della varietà detta Mammole Romane rotondi e senza spine
1 limone
olio extra-vergine d’oliva
sale
pepe nero

Come prepari i carciofi alla Giudea

Lava bene i carciofi ed elimina le foglie esterne più dure. Fai così: con una mano ruota lentamente il carciofo mentre con l’altra tieni un coltellino affilato inclinato ed incidi le foglie esterne asportandone la parte scorza esterna e procedi a spirale fino a dare al carciofo la forma di una palla. Monda il gambo togliendo la parte più esterna e lascia solo 3-4 cm. Metti in una bacinella con acqua acidulata con il succo del limone per almeno 20 minuti perché non scuriscano. Poi sistemali su un piano di legno a testa in giù e appiattisci bene in modo che le foglie si aprano. Condisci con olio, sale e pepe secondo il tuo gusto. In una larga padella scalda abbondante olio e friggi 4-5 carciofi a testa in sù a fiamma bassa. Dopo qualche minuto gira e schiaccia ancora i carciofi e alza la fiamma altissima. In questo modo diventano croccanti. Attenzione alle schizzi d’olio durante la cottura! Servi subito caldissimi, dopo averli passati nella carta assorbente per eliminare l’eccesso di grasso.

Ricette con carciofi:

risotto ai carciofi

 

Carciofi alla Giudea detti anche Carciofi alla Giudiaultima modifica: 2011-02-26T21:31:58+01:00da magnolta
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Carciofi alla Giudea detti anche Carciofi alla Giudia

Lascia un commento